ASMA ZERO WEEK 2021


Che cos'è l'asma

ALCUNE SEMPLICI INFORMAZIONI PER INIZIARE A CONOSCERLO




Una malattia infiammatoria cronica

L’asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie respiratorie, caratterizzata da un’ostruzione generalmente reversibile dei bronchi.
La limitazione al flusso aereo può risolversi spontaneamente o dopo terapia e può talvolta non presentarsi per settimane o mesi. Tuttavia, si possono anche sviluppare attacchi di asma acuti, a volte gravi, che richiedono un intervento immediato.

controllo dei sintomi dell'asma e riduzione dei rischi

Dall'asma purtroppo non si può ancora guarire; tuttavia, le conoscenze e i trattamenti oggi disponibili possono permettere, in molti casi, di ridurre notevolmente l’impatto della malattia, di prevenirne le riacutizzazioni e di controllarne il decorso.

Atleti olimpici, personaggi dello mondo dello spettacolo e della politica, così come milioni di persone comuni vivono vite pienamente attive e di successo nonostante l’asma.

I sintomi più comuni

Le manifestazioni cliniche dell’asma includono mancanza o difficoltà di respiro (dispnea), respiro sibilante, senso di oppressione al torace e tosse.
I sintomi, spesso più frequenti di notte e al mattino, possono differire da persona a persona e variare nel tempo e di intensità. Alcuni pazienti lamentano sintomi scarsi e lievi, mentre altri presentano sintomi più gravi, nonostante abbiano un’ostruzione al flusso aereo solo moderata.
Un aumento dell’infiammazione delle vie aeree può contribuire al peggioramento dei sintomi.

Torna su ↑


Che cosa succede durante un attacco

I bronchi dell’asmatico sono più infiammati e irritabili di quelli di un soggetto sano; a contatto con alcuni stimoli possono quindi reagire in modo esagerato, contraendosi.
Un attacco d’asma rappresenta un peggioramento acuto dei sintomi e della funzione polmonare rispetto alla condizione abituale del paziente.
Durante l’attacco i muscoli dei bronchi si contraggono, la loro parete si infiamma, diventa più spessa e si accumula muco; il restringimento del lume impedisce all'aria di passare e si avvertono difficoltà a respirare e pesantezza al petto.

I fattori scatenanti

Tra i vari fattori che, irritando e infiammando le vie aeree, possono scatenare un attacco e peggiorare i sintomi dell’asma nei soggetti predisposti vi sono: le infezioni virali dell’apparato respiratorio, come il raffreddore e l'influenza, i pollini, gli allergeni domestici o occupazionali, il fumo di tabacco (attivo o passivo), l’inquinamento atmosferico e lo sforzo fisico intenso. Anche alcuni farmaci possono indurre o innescare l’asma, ad esempio i beta-bloccanti e, in alcuni pazienti, i farmaci antinfiammatori non steroidei.

i fattori scatenanti dell'asma sono pollini, allergeni, l'inquinamento, infezioni virali o batteriche e farmaci

Conoscere questi fattori è importante, perché consente di attuare un’utile prevenzione.
Attenzione, però: ogni persona asmatica è diversa dall’altra e molti di questi fattori possono risultare assolutamente innocui per alcuni pazienti.

Torna su ↑


Il carico di malattia e i possibili rischi

L’asma è una delle più diffuse malattie croniche al mondo, con circa 300 milioni di individui affetti e una prevalenza in crescita in molti Paesi. In Italia si stima siano circa 3 milioni le persone con asma. Colpisce tutte le fasce d’età e le classi sociali.
Se non adeguatamente gestito, l'asma può impattare in modo negativo sulle attività quotidiane, sul lavoro o sulle prestazioni scolastiche.
Le riacutizzazioni asmatiche costituiscono il rischio maggiore. Le crisi più acute e intense possono richiedere ricoveri ospedalieri e, per quanto raramente, essere letali. Gli attacchi acuti sono più frequenti nelle persone con asma grave, ma anche nei soggetti con asma lieve o moderato possono presentarsi più spesso di quanto si possa pensare.
Gli attacchi, però, sono prevenibili con un corretto e puntuale trattamento della patologia, curando in modo regolare l’infiammazione cronica sottostante e spegnendo l’infiammazione acuta prima che si trasformi in un attacco d’asma.

Torna su ↑


A ciascuno il suo trattamento

Gli obiettivi primari della gestione dell’asma sono:
• ottenere e mantenere il controllo dei sintomi
• prevenire le riacutizzazioni.

Il trattamento dell’asma si basa su un approccio graduale e personalizzato in base alle specifiche caratteristiche di ogni paziente. Comprende sia l’uso di terapie farmacologiche, sia strategie non farmacologiche (come i cambiamenti di stile di vita).
Attraverso visite di controllo periodiche, il medico può valutare l’andamento della malattia e, se necessario, adeguare il trattamento.

controllo dei sintomi dell'asma e riduzione dei rischi

Torna su ↑


I farmaci per la terapia dell’asma

I vari tipi di farmaci oggi disponibili per l’asma possono essere efficacemente impiegati, da soli o in associazione, nella terapia: 
al bisogno, in risposta ai sintomi di un attacco
di mantenimento, per il controllo della malattia e la prevenzione delle riacutizzazioni.

Corticosteroidi inalatori e broncodilatatori sono due dei principali tipi di farmaci impiegati nella terapia dell’asma.

Come opzioni aggiuntive per il trattamento dell’asma grave non controllato esistono oggi farmaci specifici, i cosiddetti BIOLOGICI (o anticorpi monoclonali), che interrompono i processi infiammatori alla base dell’asma agendo in modo mirato su alcune particolari molecole/cellule.

L’abuso non è un buon segno!
I broncodilatatori a breve durata d’azione (SABA) sono utilizzati durante gli attacchi acuti per ottenere una dilatazione delle vie aeree entro pochi minuti. Consentono però solo un sollievo temporaneo dei sintomi (per qualche ora), senza agire sull’infiammazione sottostante.

Un uso eccessivo di questi farmaci (3 o più volte alla settimana) può essere un segno di scarso controllo di malattia e aumenta il rischio di riacutizzazioni. Per evitare conseguenze anche gravi, può rendersi necessaria una revisione del trattamento: si consiglia, pertanto, di rivolgersi il prima possibile a un medico specialista.

QUANTO UTILIZZI IL TUO SPRAY PER L'ASMA?

FAI IL TEST E PARLANE CON IL TUO MEDICO

Torna su ↑


Insieme, ASMA ZERO è possibile

È possibile convivere con l’asma, senza sintomi e senza particolari limitazioni, se la malattia è adeguatamente trattata.

È molto importante:

La collaborazione tra il paziente e il Medico è cruciale per una gestione efficace della malattia: insieme, ASMA ZERO è un obiettivo possibile.

Torna su ↑




Seguici anche su facebook.com/asmazero.it e instagram.com/asmazeroit

Realizzato con il contributo non condizionato di Astrazeneca Control Asma week